lunedì 4 agosto 2008

Fumettisti del mio Stivale

Ultimamente mi è capitato di rinfrescarmi la memoria sulla considerazione che molte persone hanno della figura del Fumettista.
Nell'ambiente del fumetto diamo ormai per scontati i termini che definiscono i nostri ruoli:
sceneggiatore, quello che scrive la storia,
soggettista è quello che tira fuori l'idea,
poi disegnatore, matitista, inchiostratore, letterista (o letterinista), grafico, tipografo....

Ma sono termini tecnici che perlopiù dicono poco al Profano, convinto che lo sceneggiatore si "quello che scrive dentro le nuvolette".
Che ok, in un certo senso è anche vero.. ma non solo, e detto così semplifica troppo.

Data la fatica che ho fatto per riuscire a fare della mia passione per il disegno un lavoro vero e proprio, a volte mi dà ancora fastidio dover spiegare in che cosa consiste quello che faccio e quanto tempo impiego nel farlo.
E per fortuna non faccio la sceneggiatrice!!

Come se non bastasse, si aggiunge la scarsa considerazione che *alcuni* editori nutrono per il Lavoro del Fumettista... tanto c'è un mucchio di gente in lista d'attesa, se non lo fai tu lo farà lui, e via così.
La qualità? questi *alcuni* sembrano non prenderla in considerazione e chi lo fa è sicuro di poterti convincere che non ti paga perché vuole proprio la Qualità.
E la diffusione? un giorno ci sarà.


Eppure Fare Fumetto è ancora un Mestiere, ottimo se c'è la passione di impegnarsi, di provare, di imparare ancora e la voglia di mettersi in gioco... ma non può esserci solo quello se hai più di 30 anni, magari una famiglia e lavori disegnando da più di 5 anni.
Posta un commento